More titles to consider

Shopping Cart

You're getting the VIP treatment!

With the purchase of Kobo VIP Membership, you're getting 10% off and 2x Kobo Super Points on eligible items.

Item(s) unavailable for purchase
Please review your cart. You can remove the unavailable item(s) now or we'll automatically remove it at Checkout.
itemsitem
See your RECOMMENDATIONS
Ratings and Reviews (45 401 star ratings
45 reviews
)

Overall rating

4.0 out of 5
401
5 Stars 4 Stars 3 Stars 2 Stars 1 Stars
146 150 75 13 17

Share your thoughts

You've already shared your review for this item. Thanks!

We are currently reviewing your submission. Thanks!

Complete your review

All Reviews

  • 5 person found this review helpful

    5 people found this review helpful

    5 of 6 people found this review helpful

    Thanks for your feedback!

    Interessante

    Bello scritto bene , interessante nei riferimenti storici , scorrevole nella stesura appassionante coinvolgente
  • 13 person found this review helpful

    13 people found this review helpful

    13 of 23 people found this review helpful

    Thanks for your feedback!

    Davvero bello

    Non avevo mai letto un libro di Dinah Jefferies, ma la cosa che mi colpito subito sono la cura nei dettagli nel descrivere i luoghi dove la storia è stata ambientata. Il libro narra la storia di due sorelle francesi/vietnamite, che purtroppo non vanno tanto d'accordo, la storia viene raccontata da Nicole la figlia minore, nata quando la madre morì di parto mettendo al mondo lei, per diciotto anni della sua vita si porta la colpa di questa morte, per poi scoprire la verità di non essere lei la colpevole, ma che la madre non è stata soccorsa in tempo. Viene descritto un Vietnam che si trova sotto il dominio francese ma che sta per essere sconfitto, ci troviamo nel periodo dopo la seconda guerra mondiale fino agli anni '50. Il padre di Nicole un uomo francese con un ruolo importante nel governo decide di dividere i suoi averi dando alla figlia maggiore tutta l'attività commerciale, mentre a lei un piccolo negozio di seta, anche se si sente tradita da questa scelta decide di far crescere il negozio conoscendo tutti i segreti della seta. Ma la situazione politica instabile la porta a fare delle scelte, decidendo di unirsi ai combattenti vietnamiti, allontanandosi di casa, scopre un Vietnam che non aveva idea che esistesse, dove lei che era meticcia con sembianze tipiche del posto, ma con il passaporto francese, non si sente a suo agio. Nella storia incontriamo anche Mark un agente della CIA che sarà il suo grande amore da cui avrà una figlia. Dopo mesi e mesi di difficoltà riuscirà a lasciare quel paese che aveva tanto amato che non le può fare più niente, partità con una nave alla volta di Parigi dove ritroverà il padre, ma farà la scelta di non rimanere lì ma andare in America con sua figlia e suo marito. Un libro che ti fa pensare, non sapevo che prima dell’arrivo degli americani in Vietnam c’erano i francesi, un’ottima lezione di storia su quel periodo. Ringrazio la Newton Compton per l’anteprima del libro. Libro inviatomi dalla Newton Compton perchè faccio parte del club dei lettori
  • 1 person found this review helpful

    1 people found this review helpful

    1 of 1 people found this review helpful

    Thanks for your feedback!

    La figlia del mercante di seta

    Un romanzo avvicente , ti tiene in sospeso fino all'ultimo minuto. Scritto in un modo piacevolissimo . Ti culla e ti fa entrare nei personaggi. Bellissimo.
  • 1 person found this review helpful

    1 people found this review helpful

    1 of 1 people found this review helpful

    Thanks for your feedback!

    romanzo avvincente

    Buona la trama con tanti colpi di scena ottima la descrizione di quella guerra e della situazione ambivalente della protagonista. finale ad effetto
  • 0 person found this review helpful

    0 people found this review helpful

    0 of 0 people found this review helpful

    Thanks for your feedback!

    facile lettura

    Mi è piaciuto il tema e l'ambientazione del libro, ma a tratti la narrazione era fin troppo superficiale e noiosa, a tratti avvincente. Avrei preferito un'analisi piú aprofondita della diatriba interna a Nicole, del suo essete "meticcia", che invece é stato poco esplorato.
401

You can read this item using any of the following Kobo apps and devices:

  • DESKTOP
  • eREADERS
  • TABLETS
  • IOS
  • ANDROID
  • WINDOWS