Skip to main content

Consigliati per te

Loading...

Carrello

Sarai trattato da vero VIP!

Prodotti non disponibili per l'acquisto
Controlla il carrello. È possibile eliminare uno o più prodotti, oppure verranno rimossi automaticamente prima del pagamento.
elementielemento
elementielemento

Valutazioni e recensioni del libro ()

Valutazione complessiva

4,4 su 5
5 Stelle
32 reviews have 5 stars
4 Stelle
17 reviews have 4 stars
3 Stelle
4 reviews have 3 stars
2 Stelle
0 reviews have 2 stars
1 Stella
2 reviews have 1 stars

Condividi le tue opinioni

Hai già condiviso la tua opinione per questo articolo. Grazie!

Stiamo attualmente rivedendo la tua richiesta. Grazie!

Completa la recensione

Tutte le recensioni del libro

  • Pugnali, forchette e palpitazioni al cuore

    Divorato in un pomeriggio. Ma non poteva essere altrimenti. E' talmente intrigante ed incalzante da non riuscire a distogliere gli occhi dall'ebook nemmeno per un secondo. Quando lessi il primo volume della trilogia dedicata ad Henri ("Soffocami") il personaggio che, sin da subito aveva suscitato in me un forte interesse era stato proprio il freddo e letale "piccolo" Andrè Lamaze. Di lui era emersa a chiare lettere la sua totale avversione nei confronti di tutto e tutti, e la sua palese incapacità di comprendere come suo fratello si fosse fatto "fregare" da una "femmina". Così nutrivo grande curiosità nell'assistere ad un Andrè spogliato della sua maschera di freddezza e reso vittima di sentimenti del tutto nuovi. Nutrivo, perciò, elevate aspettative nei confronti di questa nuova trilogia, che non state per nulla di deluse. Grazie ai pov di Andrè si riesce a comprendere in profondità questo ragazzo, spezzato da atroci eventi che gli hanno fatto conoscere l'orrore, e che lo hanno poi portato a fare di quello stesso orrore un'arma per potersi "rialzare". Lui e i suoi due fratelli sono diventati da vittime a dei veri e propri carnefici. Tuttavia ciò che distingue Henri da Andrè è che a quest'ultimo basta che un piccolo "scricciolo" dai capelli rossi gli sorrida con spavalderia, lo sfidi con lo sguardo e gli lanci delle briciole di muffin da far sfociare in lui un sentimento, che non avrebbe nulla di sconvolgente, se non fosse che Andrè non è un ragazzo qualunque, con un infanzia normale, con una vita normale, è un uomo spezzato, che non ha mai amato qualcuno che non fosse la sua famiglia, che non si è mai sentito attratto da una ragazza, che non si è mai innamorato. Assistiamo, quindi, ad un Andrè destabilizzato, poichè impreparato a questo sentimento, che non è ossessione, distruzione, che non si fonda sull'odio, ma su sguardi che si incontrano, e su anime che si ritrovano sorprendentemente legate; un amore che nasce spontaneo, ma che viene represso e via via ferocemente osteggiato. Ora, finito questo gioiellino, continuo a ripetermi che si tratta di un dark, che contando sul finale della precedente trilogia devo essere pronta a tutto, e non di certo a un finale cuori e fiori. Tuttavia Andrè, più di tutti, ha un bisogno immane di amare ed essere amato. Pertanto esorto l'autrice ad essere clemente con il piccolo di casa Lamaze :D Consiglio infine la lettura di questo volume, dei precedenti e dei successivi a chi ama storie forti, incalzanti, che ti fanno incavolare di brutto ma che allo stesso tempo ti fanno palpitare il cuore. E naturalmente faccio i complimenti all'autrice per la sua scrittura superba.

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Prima parte della storia di Andrè Lamaze

    Quarto romanzo della serie Blood Bonds, tutto incentrato su André, il piccolo Lamaze che ha ricevuto dal padre, e i suoi amici depravati, solo violenza fisica. In questo libro Henri è ancora devastato e depresso per aver dovuto rinunciare ad Aleksandra, lo si vede poco ma ogni volta che André ha bisogno, è presente. Armand invece inizia a preoccuparsi per come si stanno evolvendo le cose, nel senso che Henri è chiuso in camera sua, perso nel suo dolore e nella sua rabbia, mentre André inizia a perdersi, nonostante si opponga, in un sentimento sconosciuto che sta nascendo nei confronti di Nadyia, la piccola prigioniera rossa. Lei è riuscita a perforare la corazza di gelo che André ha creato, lo vede per quello che è realmente e non per quello che mostra a tutti, e per questo è pericolosa per lui. Purtroppo questo sentimento li mette in pericolo con la Regina, perché Nadyia è destinata a lei, e tutto quello che è suo, deve essere intoccabile. «Battile», mi disse sottovoce, «e sarò tuo.» Il mio cuore sobbalzò. Mio. Mio. Mio da conoscere. Mio da toccare. Mio da conquistare. Mio da manipolare per riacquistare la libertà. Quindi i nostri fanciulli devono smettere di amarsi... ma come fare? Come nascondere un sentimento così forte, anche se nato dalla voglia di scappare? Neela sospetta qualcosa, ha visto come si guardano e li mette alla prova, purtroppo falliscono. André decide, per il bene di entrambi, di allontanarsi, così va a dirle addio ma la passione li divora. Che diavolo mi stava succedendo? Per anni avevo avuto a che fare con donne e ragazze dalla bellezza singolare, ma non le avevo mai viste realmente. Invece Nadyia la guardavo, in ogni momento. La vedevo, sempre. Non era ammissibile, non più. Quando André esce dalla sua camera, viene fermato da Ekaterina, questo personaggio non ho ancora capito se mi piace o se deve essere messo al rogo, e portato dalla Regina. Nello stesso momento, al suo cospetto, arriva anche Nadyia, che viene legata a un palo nuda, e la punizione di André per aver toccato ciò che non doveva sarà atroce per lui. Lui cerca di infliggere meno danni possibili, ricorda purtroppo il suo passato, ma alla Regina non basta, vuole il sangue e raddoppia la dose e André deve obbedire. Appena finito se ne va, distrutto. Nel frattempo Armand ha recuperato notizie su uno degli amici del padre che più di tutti amava picchiare André, dà il fascicolo al fratellino che legge tutto e parte per andare in ricognizione a casa dello schifoso. Arrivato alla villa, mentre gironzola per le stanze della casa, André entra nella camera del figlio, dove vede una foto del ragazzo con una ragazza e gli si gela il sangue... Chi sarà la ragazza? Io un dubbio ce l'ho, e secondo me sarà una mazzata grossa. In questo libro non ci sono toni dark, il romanzo è più incentrato sul sentimento che nasce tra André e Nadyia, e di come viene contrastato dal giovane Lamaze perché ha paura di amarla per i vari motivi elencati prima - oltre ad avere paura di amare, secondo me, a causa del trattamento ricevuto dal padre, colui che avrebbe dovuto amarlo e proteggerlo (e qui mi sorge sempre il dubbio, ma mamma Lamaze?... tremo). Dall'altra parte Nadyia, che all'inizio vuole sfruttare l'attrazione di André per scappare e riavere la sua vita, s’innamora davvero, ed è ancora più atroce perché deve rinunciarci... Riusciranno André e Nadyia ad avere un finale in coppia? Oppure anche loro sono destinati ad amarsi da lontano? La vendetta dei Lamaze continua verso i carnefici, ma perché continuano il lavoro del padre, quando loro stessi sono stati delle vittime? Serve alla loro vendetta? Complimenti a Chiara, anche in questo libro è riuscita a mantenere la curiosità di cosa è successo nel passato e di cosa succederà nel futuro, io ho tante ipotesi e prevedo ancora tanto dolore per i nostri protagonisti.

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Mi ha conquistato

    la serie che ha conquistato il mio cuore ....lo leggi e vorresti non finisse mai ....scritto bene e personaggi fantastici

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Particolare

    Bello e inquietante ma molto coinvolgente. Personaggi "umani" nella loro drammaticità nonostante le scene forti

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Per addestrarti

    Questa storia mi è piaciuta xchè Andrè mi ha intrigato fin dai primi libri della serie non vedo l'ora di leggere il prossimo libro anche se sò che l'autrice è molto imprevedibile

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

Puoi leggerlo utilizzando uno qualsiasi dei seguenti dispositivi o una app Kobo:

  • DESKTOP
  • eREADER
  • TABLET
  • IOS
  • ANDROID