Skip to main content

Altri titoli da considerare

Loading...

Carrello

Sarai trattato da vero VIP!

Prodotti non disponibili per l'acquisto
Controlla il carrello. È possibile eliminare uno o più prodotti, oppure verranno rimossi automaticamente prima del pagamento.
elementielemento
elementielemento

Valutazioni e recensioni del libro ()

Valutazione complessiva

4,0 su 5
5 Stelle
41 reviews have 5 stars
4 Stelle
49 reviews have 4 stars
3 Stelle
32 reviews have 3 stars
2 Stelle
5 reviews have 2 stars
1 Stella
1 reviews have 1 stars

Condividi le tue opinioni

Hai già condiviso la tua opinione per questo articolo. Grazie!

Stiamo attualmente rivedendo la tua richiesta. Grazie!

Completa la recensione

Tutte le recensioni del libro

  • Recensione per Romanticamente Fantasy Sito

    Questo libro mi è piaciuto. Perché inizio così? Perché inevitabilmente, trattandosi di uno sport romance, parte subito il paragone con la famosa serie dei Chicago Stars della Phillips. Avendo amato tutta la serie SEP, non avrei potuto non apprezzare questa lettura. Ora però andiamo con ordine, così capirete meglio la mia affermazione iniziale. Il libro, primo volume della serie “Chinook”, si apre con un prologo datato 1976, che ci mostra una Georgeanne alle elementari con problemi a contare e una maestra che definire inadatta all'insegnamento, significherebbe solo farle un complimento. Un giorno Georgeanne torna a casa e trova la nonna a parlare con un tipo che viene presentato solo come: “il dottore dalle orecchie a sventola, che le aveva imposto quegli stupidi test.” La piccola origlia la conversazione e sente questo Tizio (l’appellativo più gentile che ho trovato da affibbiargli) dire che la bambina, ossia lei, ha una disfunzione cerebrale, che non se ne conoscono bene i motivi, non si hanno delle vere cure, ma alcuni bambini hanno trovato giovamento dall'uso di farmaci. Ma dico io: stiamo scherzando?! Tu stesso affermi di non sapere questi disturbi da cosa siano causati, e come curarli, e poi proponi di imbottire una ragazzina di medicinali? Qui un applauso alla nonna, la quale afferma categoricamente che non farà prendere nessuna medicina alla nipote. BRAVA! Naturalmente, quell'idiota di un verme strisciante maschilista cosa risponde? Ora, tralasciamo per un momento che tutto questo discorso viene fatto da uno stupido maschilista, che non riesco a capire come sia riuscito a laurearsi, se non con bustarelle varie. Lasciamo perdere anche che siamo nel 1976 e la nonna, poverina, anziana e abitante di un paesino texano, non si rivolge ad altri specialisti per avere ulteriori opinioni, la cosa brutta è che tutto questo discorso viene ascoltato da una ragazzina di nove anni. Ragazzina che già si sente mortificata a scuola perché non riesce a fare cose che i compagni fanno facilmente. Quindi, secondo voi, Georgeanne come avrebbe potuto crescere senza complessi, e in modo sereno, dopo aver sentito cose del genere? Da questo si capisce come mai a ventun anni decide di sposare un uomo, che potrebbe essere suo nonno, solo perché è ricco. L'unico motivo per cui ho continuato a leggere, dopo un prologo che mi ha scatenato l'omicidio (scusate, ma io su certi argomenti sono un po' sensibile e mi arrabbio subito), è proprio perché è stato solo un'introduzione per farci comprendere meglio le vicende e le motivazioni che si svolgeranno nel libro. Inoltre, l'autrice ha saputo coinvolgermi, facendomi arrabbiare, fin dall'inizio. I primi capitoli, che parlano della fuga di Georgeanne e dell'incontro con John, sono stati noiosetti e scontati. Lui che, scocciato, non aspetta neanche di assistere al matrimonio del proprietario della sua squadra di hockey, va via e incontra la nostra protagonista. Una Georgeanne che sembra uscita da un paginone centrale di playboy, la quale chiede un passaggio per strada a uno sconosciuto... capito? A uno sconosciuto. Per strada. Chiede un passaggio. Qui mi sono dovuta ricredere e dare ragione a quel decerebrato di un verme, di pseudo dottore, che aveva detto che non sarebbe stata in grado di cavarsela da sola. Però, okay, passiamoci sopra, è un libro romance e questi piccoli espedienti narrativi capitano. Comunque, John la prende in auto perché: ehi, è un bel bocconcino! Tuttavia, vuole mollare il prima possibile la patata bollente, sul ciglio della strada, non appena si rende conto che sta dando un passaggio alla fidanzata fuggitiva di chi gli paga lo stipendio. Però, non si sa come, non la molla per strada, ma la porta con sé, addirittura a casa sua, facendole conoscere anche il nonno. Da qui, nonostante lui continui a ripetersi che non si deve avvicinare, anche se attratto, e cerca espedienti per starle lontano, alla fine, ma guarda un po', passano la notte a fare l'amore. Già, amore dal punto di vista di Georgeanne, che in questi primi capitoli sembra possedere una personalità, di poco al di sopra, di un'ameba. D’altro canto, per John hanno passato solo un'intensa notte di sesso e il giorno dopo la scarica all'aeroporto, le acquista un biglietto aereo, che lei non ha mai chiesto, e la lascia lì senza ripensarci neanche una volta. Ora, a questo punto, con lei già innamorata persa e tutti i cliché che si sono susseguiti fin dall'inizio, ho continuato a leggere solo per inerzia, con un occhio chiuso e sbadigliando a ogni sillaba. Neanche il fatto che John fosse questo concentrato di muscoli possenti e testosterone mi ha aiutato a superare la noia della lettura. Avrei tanto voluto fermarmi qui e il mio voto sarebbe stato uno. Però, per poter dare un giudizio sincero, veritiero e onesto ho voluto finire il libro... e sapete cosa vi dico? Menomale! Per la recensione completa vi aspettiamo sul nostro Sito: www.romanticamentefantasy.it VOTO 3,5 STELLE

    Grazie per i commenti.

    2 persona ha trovato utile questa recensione

    2 persone hanno trovato utile questa recensione

    2 su 2 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Irresistibile

    La prima metà del libro è buona: è scorrevole e coinvolgente. Poi la 'qualità' precipita verso la metà e nn si riprende più. I personaggi iniziano a essere confusi e volubili: dicono o si propongono qlc per poi cambiare idea dopo un paio di righe; opp hanno dei cambiamenti d'umore repentini... e diventa talmente ripetitivo questo atteggiamento da risultare noioso e irritante. L'ho finito per inerzia.

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Irresistibile

    Il primo della serie. Cosa posso dire ,meraviglioso una storia che potrebbe essere simili ad altre ma raccontata con sentimento e non ti puoi che innamorare. E' la quinta volta che lo leggo e mi emoziono come se fosse la prima. Bellissimo.

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Ottimo

    Un romanzo che ti sorprende

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

  • Irresistibile

    Non,c,e molto da dire,bello !

    Grazie per i commenti.

    0 persona ha trovato utile questa recensione

    0 persone hanno trovato utile questa recensione

    0 su 0 persone hanno trovato utile questa recensione

Puoi leggerlo utilizzando uno qualsiasi dei seguenti dispositivi o una app Kobo:

  • DESKTOP
  • eREADER
  • TABLET
  • IOS
  • ANDROID